venerdì 13 gennaio 2017

Utensili per il ristorante: come scegliere il giusto bicchiere da vino

La scelta delle forniture per ristorante comprende diversi aspetti legati principalmente al tipo di offerta e di servizio attuati nel locale. Se l’attività è di alto livello e si rivolge ad un pubblico esigente, il proprietario dovrà avere cura di non tralasciare nessun particolare, come ad esempio la scelta corretta del bicchiere da vino.
Di bicchieri per ristorante ne esistono di molteplici modelli, a seconda della tipologia di bevanda. Soffermandosi sul vino (che è la bevanda che richiede maggiore attenzione), bisogna far caso alle caratteristiche organolettiche per poter scegliere il bicchiere da ristorante adeguato. Oltre che per il colore del vino, bianco, rosso o rosato, i bicchieri per bar e ristorante variano anche in base alla struttura del vino, alla presenza di tannini, al grado di invecchiamento, nonché ai profumi che sprigionano.
Le caratteristiche più importanti di questi utensili per ristoranti riguardano il materiale e l’aspetto: dovrebbero essere incolore, trasparenti, con lo stelo e, se possibile, di vetro sottile o cristallo, al fine di mettere in risalto il più possibile il contenuto e dare la possibilità di apprezzarne colore e profumo, senza che il calore della mano possa interferire. Per quanto riguarda la capienza, i bicchieri per ristorante da vino devono essere in grado di contenerne una quantità giusta, permettendo lo sprigionarsi dei profumi.
Per vini bianchi, rossi e da dessert esistono dieci tipi di bicchieri, ma, a meno che non si tratti di un’enoteca o di un ristorante particolare, nessun locale li utilizza tutti. L’importante è possedere almeno un flute, in cui si possono servire spumanti e passiti, un renano, da utilizzare per tutti i tipi di bianchi, i rosé, gli spumanti millesimati e i rossi molto giovani, e un grand ballon per i rossi più strutturati.
In generale bisogna tener presente che un calice che si restringe verso l'alto permette una migliore concentrazione dei profumi. I calici grandi e panciuti, favoriscono il movimento rotatorio del bicchiere per ossigenare il vino e permettono di cogliere tutte le note del bouquet dei grandi vini rossi. Infine, per quanto riguarda i vini da dolce e liquorosi, si consiglia l’utilizzo di piccoli bicchieri che si ristringono in alto, per poter mantenere inalterati aroma e profumo.
Nella sezione dedicata alla forniture alberghiere di AllForFood, puoi trovare un’ampia selezione di bicchieri per bar, ristoranti e hotel, perfetti per ogni tipo di bevanda, dal vino all’aperitivo.

AllForFood.com ti offre anche una serie di accessori e utensili per allestire al meglio il buffet hotel o la sala del tuo ristorante, come piatti, vassoi, caraffe, servizi da the e caffè e molto altro ancora.

mercoledì 21 dicembre 2016

Peculiarità e composizione dell'abbigliamento da chef

L'abbigliamento dello chef svolge la doppia funzione di proteggere e presentare colui che la indossa ed è composta da diverse parti, ognuna con uno scopo specifico. All’interno delle cucine professionali dei ristoranti l’igiene è una delle priorità di cui bisogna tener conto necessariamente, per non aver problemi sia da un punto di vista normativo che salutare.

Il copricapo è il primo elemento dell'abbigliamento da chef e deve assolvere alla duplice funzione di riparare i capelli del cuoco dagli odori e dall'umidità, che normalmente si creano nella cucina di un ristorante, e di evitare che i capelli stessi possano finire in piatti, tegami o più in generale a contatto con cibi. Divisa chefOltre al modello classico (composto essenzialmente da cotone o da materiali monouso come carta e TNT), sul mercato sono ormai disponibili diverse varianti, come la bandana, la cuffia (che fa parte della divisa da cuoco per donna), la bustina, e tante altre.
Un altro elemento che fa parte dell’abbigliamento per la ristorazione è il fazzoletto, conosciuto anche come triangolo o puntina: il suo scopo è quello di assorbire il sudore, in quanto viene posizionato in una parte “a rischio” e precisamente tra il collo ed il colletto della giacca da cuoco. Normalmente è di forma triangolare e in commercio è possibile reperirne modelli in diversi tessuti, anche se quello più utilizzato, soprattutto per motivi di praticità, è il fazzoletto in cotone bianco.

La giacca da cuoco è sicuramente l’elemento principale dell’intera divisa di uno chef ed è anche quella che si è prestata maggiormente ad una reinterpretazione da parte di stilisti, case produttrici e operatori stessi. Solitamente è realizzata in cotone bianco poiché è un tessuto naturale caratterizzato da una bassa infiammabilità ed è ipoallergenico. Di norma ogni chef possiede due tipi di giacche da cuoco: una più semplice, per così dire “da battaglia”, da utilizzare tutti i giorni, ed una più elegante e curata, da utilizzare in particolari occasioni, soprattutto quando è prevista l’uscita dello chef in sala. Caratteristiche importanti dell'abbigliamento dello chef sono il colletto alla coreana, il doppiopetto, per un riutilizzo anche in caso di macchie, ed i bottoni a funghetto, facilmente estraibili in situazioni di necessità.
Completano la divisa da chef, il grembiule, le calzature e i pantaloni da cuoco.

Se sei in cerca dell’abbigliamento professionale per la ristorazione e di altre forniture alberghiere, affidati all’esperienza di AllForFood, uno dei maggiori negozi online di attrezzature ed arredamento per ristoranti, hotel e bar. Grazie ai consigli di uno staff esperto e professionale, potrai essere certo di acquistare la soluzione giusta per te non solo per quanto riguarda l’abbigliamento da cuoco, ma anche tutti gli altri accessori e utensili necessari in una cucina professionale.

lunedì 19 dicembre 2016

La diffusione dei frigoriferi industriali nel mondo della panificazione

Il freddo rappresenta un’importante evoluzione tecnologica nella programmazione del ciclo produttivo, per questo motivo si è ampiamente diffuso nella grande ristorazione negli ultimi tempi, complice anche la maggiore accessibilità ai frigoriferi industriali. La refrigerazione è un procedimento che consiste nella diminuzione della temperatura di un determinato spazio al di sotto del livello della temperatura ambiente e nel campo della ristorazione viene usato quotidianamente attraverso attrezzature quali armadi frigo, celle frigorifere o frigoriferi industriali.

armadi frigo La generazione del freddo riveste un’importanza fondamentale nella conservazione degli alimenti ed ha sostituito le antiche tecniche adottate per evitare il loro deterioramento(per salagione, per essiccazione, ecc.) la cui comune caratteristica era quella di alterarele qualità nutrizionali e organolettiche degli alimenti.
Nei panifici le basse temperature prodotte da armadi frigo e celle fermalievitazione vengono utilizzate per bloccare o rallentare l’attività fermentativa del lievito. Impiegando basse temperature nella conservazione degli impasti è pertanto possibile programmare razionalmente il ciclo produttivo. I vantaggi di tale tecnica sono notevoli: riduzione del lavoro notturno, flessibilità di produzione, che consente di cuocere il pane secondo il reflusso di vendita.
La fermentazione viene rallentata ponendo gli impasti in celle fermalievitazione, all’interno delle quali avviene la regolazione della temperatura e dell’umidità relativa secondo quattro fasi.

Anche la tecnica del surgelamento tramite celle frigorifere e armadi frigo può essere applicata alle paste crude e precotte sia in panificazione che nella “viennoiserie” e in pasticceria. In questi casi, l’aggiunta di alcuni ingredienti come il glutine vitale, il tuorlo d’uovo, i grassi e il miele può migliorare la stabilità degli impasti congelati. Pane precotto: il pane viene parzialmente cotto e surgelato e la sua cottura viene completata dal rivenditore.frigoriferi industriali Dopo lo scongelamento, la cottura dovrebbe essere completata in forni nei quali prevalga la trasmissione di calore per irraggiamento, per permettere la formazione della crosta. Pasta cruda modellata: la pasta viene modellata e poi subito surgelata, per cui dopo lo scongelamento andrà incontro a una fermentazione finale (appretto). Pasta cruda pronta da modellare: metodo meno diffuso del precedente e consiste nel surgelare la pasta prima della formatura.

Scopri tutte le attrezzature per la refrigerazione come armadi frigo, celle frigorifere e altri frigoriferi industriali su AllForFood.com. Puoi acquistare la merce direttamente online oppure chiedere un preventivo gratuito e senza impegno

venerdì 16 dicembre 2016

Le impastatrici a forcella e il loro contributo alla preparazione dell’impasto per pane e pizza

L’impasto è una delle fasi principali nella preparazione del pane e dei prodotti da forno in generale. Dalle sue qualità dipendono per l’80% circa le caratteristiche del prodotto finito, per cui una corretta esecuzione dell’impasto riveste un importanza fondamentale per ottenere un prodotto finito eccellente. Esistono vari metodi nella preparazione di un impasto. attrezzature pizzeriaI più diffusi sono: diretto, nel quale tutti gli ingredienti vengono impastati in un’unica fase; indiretto, dove prima viene preparato un preimpasto come biga o poolish a base di farina, acqua e lievito compresso il quale subisce una fermentazione al termine della quale viene inserito nell’impastatrice per pizza ed impastato con gli altri ingredienti. I modelli più utilizzati sono le impastatrici a spirale e quella forcella (in pasticceria si utilizzano maggiormente le impastatrici planetarie).

L’impastatrice a forcella è stata storicamente una delle prime macchine usate dai panettieri e pizzaioli per automatizzare il processo produttivo. Oggi, a distanza di anni questa macchina continua ad essere indispensabile nel suo campo grazie al suo validissimo sistema di lavorazione.
Totalmente diversa dall’impastatrice a spirale, la forcella infatti montata orizzontalmente rispetto alla vasca da minore attrito all’impasto, consente di allungare i tempi d’impastamento, inglobando anche più ossigeno nell’impasto , elemento fondamentale per una migliore fermentazione.
impastatrice pizza L'impastatrice a forcella è adatta per qualsiasi tipo di impasto, con prevalenza per quelli duri (32-35% di acqua), o medio duri (45-50% di acqua). Per rendere la macchina più versatile, specialmente per impasti idratati (60-65% di acqua) è molto utile un motore a due velocità.
Il movimento che effettua non surriscalda gli ingredienti (particolare fondamentale per alcune ricette) e incorpora la giusta quantità di ossigeno rendendola indicata per gli impasti più delicati. In relazione ad un impasto diretto i gradi che questo tipo d’impastatrice  fornisce all’impasto è di 3c°.

Puoi acquistare online le migliori attrezzature per pizzeria, panifici e pastifici ad un prezzo competitivo su AllForFood.com. Oltre ad impastatrici a forcella e a spirale, l’offerta di AllForFood comprende stendipizza, tagliamozzarella, forni professionali, banchi pizza e molti altri articoli di qualità italiana.

lunedì 12 dicembre 2016

Il raffreddamento dell’acqua nelle attrezzature per gelateria

In gelateria il consumo di acqua ma anche di energia elettrica è notevole. La maggior parte delle attrezzature per gelateria hanno un tipo di raffreddamento ad acqua, in particolare pastorizzatori, mantecatori, cuocicerma o macchine combinate.
Ad esempio, una combinata ha un’impronta idrica diretta di circa 10 litri (0,01 m³) per produrre 1 litro di gelato. In gelateria, negli anni scorsi, il costo dell’acqua in­cideva poco oggi invece, è sempre più fra le voci dei costi di produzione poiché il 90% circa dell’acqua fatturata viene utilizzata in laboratorio per raffreddare pastorizzatori, mantecatori, abbattitori di temperatura, celle frigorifere e, raramente, ve­trine/banchi espositivi. I consumi idrici sono molto cospicui: un mantecatore di me­die dimensioni consuma me­diamente 350 litri/h (0,35 m³/h).
pastorizzatore gelateria Se il consumo idrico è dunque il tasto dolente, un ruolo importante per il contenimento dei costi energetici può averlo la "torre di raffreddamento" o "economizzatore", un’apparecchiatura che consente di riutilizzare, depurata, l’acqua degli impianti idraulici di raffreddamento.
La torre può essere collegata al pastorizzatore, ai mantecatori e alle vetrine: l’impianto così realizzato è in grado di recuperare l'acqua utilizzata per lo smaltimento del calore, garantendo un risparmio del consumo idrico fino al 95%, con un modesto consumo di energia elettrica.
La torre di raffreddamento, sfruttando un semplice principio evaporativo, provoca un abbassamento della temperatura della massa d’acqua principale, che può così essere riutilizzata. La macchina è compatta e di piccole dimensioni, (In ogni caso, le dimensioni di questo impianto dovranno essere attentamente calcolate in relazione agli ambienti dei laboratori e al numero delle attrezzature per gelateria impiegate), pressoché interamente realizzata in materiale plastico (vetroresina), ed è completa di sistema ventilante centrifugo e di pompa di ricircolo dell’acqua. Il tutto è premontato su apposito carrello in acciaio zincato a caldo, eventualmente dotato di ruote per una facile movimentazione.
arredamento gelateria Solitamente è disponibile in due modelli, entrambi in versione per esterno (espulsione aria “libera”, qualora venga installata all’esterno del laboratorio) che per interno (espulsione aria “canalizzabile”, nel caso venga installata all’interno del laboratorio; in questo caso, occorre prevedere uno scarico a parete per l’aria satura). L’orientamento degli attacchi idraulici e delle prese d’aria può essere variato a seconda delle esigenze di installazione.
Su AllForFood.com puoi acquistare tutte le principali attrezzature per gelateria ad un prezzo concorrenziale: mantecatori, pastorizzatori, cuocicrema, vetrine refrigerate e molto altro. Puoi anche chiedere un preventivo gratuito sulla base delle tue specifiche esigenze.

venerdì 9 dicembre 2016

La perfetta manutenzione dei coltelli professionali

Quando si acquistano coltelli da cucina è molto importante seguire le giuste regole di manutenzione, per mantenerli sempre funzionanti e perfettamente affilati.  I coltelli sono forse gli utensili per cucine professionali più importanti per il cuoco, non fosse altro per la loro potenziale pericolosità. Imparare a conoscere, utilizzare e manutenere i coltelli da cucina è motivo di orgoglio e dà grande soddisfazione.
utensili cucine professionali Le lame dei coltelli professionali sono in acciaio inossidabile martensitico, un acciaio cosiddetto "altolegato", ad alto tenore di carbonio e con una grande percentuale di leganti come Nichel, Cromo, Molibdeno, Vanadio. Questo materiale abbina una notevole durezza (indispensabile per mantenere il filo) ad una grande resistenza alla corrosione. La lama di questo utensile per cucine professionali può essere stampata (la sagoma della lama viene tagliata partendo da una lamiera) o forgiata (la lama viene ricavata deformando progressivamente un semilavorato). Le lame forgiate sono più bilanciate e hanno una maggior resistenza in quanto le fibre del materiale vengono disposte dalla particolare lavorazione in direzione della sollecitazione.
Data l’importanza dei coltelli professionali, è consigliabile riporli in posti adeguati e fare attenzione a come vengono usati e mantenuti. Per tenerli in buono stato per lungo tempo bisogna seguire solo alcune piccole regole: mai lavare i coltelli professionali in lavastoviglie. A causa dell'alta presenza di carbonio, necessario per avere una buona affilatura e mantenerla, i coltelli non sono inossidabili, come molti credono.
griglie gastronorm Lavare sempre i coltelli professionali dopo l'uso e prima di pranzare, per evitare che restino troppo a lungo a contatto del cibo e dei residui organici umidi, che potrebbero dare problemi alla struttura molecolare del metallo. Sempre per gli stessi motivi, non lasciare i coltelli a gocciolare, ma asciugarli subito. Non tenere questi utensili per cucine professionali in luoghi umidi o in presenza di sali. Proteggere la lama, evitando di tagliare ossa e parti dure. Infine affilare la lama tutti i giorni: l'operazione non dura più di un paio di minuti e deve essere fatta personalmente.

Tutti gli utensili per ristoranti, hotel e cucine professionali puoi trovarli online su AllForFood.com, il primo negozio del web nel settore delle forniture per la ristorazione. Nel catalogo con più di 40 mila articoli, puoi scegliere tra coltelli professionali di tutti i tipi, griglie e teglie gastronorm, vassoi, caraffe, pentole e molti altri accessori realizzati con materiali di prima qualità.

martedì 6 dicembre 2016

Il generatore di calore nei forni professionali: caratteristiche e funzionamento

Nel mondo della ristorazione e delle cucine industriali, in passato l’unico forno utilizzato era quello a legna mentre oggi giorno il mercato ne offre infiniti modelli. Ognuno ha le sue caratteristiche intrinseche che distinguono un forno professionale da un altro. Una delle peculiarità che differenzia i diversi modelli di forni professionali è il sistema con cui viene trasmesso il calore, che può essere per conduzione (quando il calore migra da un corpo caldo ad uno freddo: come ad esempio una mano messa sopra ad un termosifone caldo), per convezione, quando il calore viene trasmetto da particelle liquide e gassose al corpo freddo: come ad esempio il calore che si percepisce entrando in una sauna.forno ristorante O ancora, per irraggiamento quando il calore viene trasmesso attraverso onde elettromagnetiche: come ad esempio il termosifone che trasmette il calore all’ambiente che lo circonda (anche se lo fa anche per convezione).
Parlando di calore e di sistemi di propagazione, assume una particolare importanza il generatore di calore di cui ogni forno per la ristorazione è dotato. I modelli a gas sono equipaggiati con un bruciatore a fiamma stabilizzata, con valvola di sicurezza a termocoppia per l’interruzione dell’afflusso di gas in caso di spegnimento della fiamma pilota. Il bruciatore pilota (la fiammella costantemente accesa che avvia il funzionamento di questa attrezzatura per la ristorazione ) è acceso automaticamente attraverso un dispositivo elettrico posto sul pannello dei comandi. I bruciatori sono, in genere, installati nella zona posteriore del forno, in modo da poterli facilmente ispezionare in caso di necessità.
I gas di combustione vengono convogliati all’esterno della cucina industriale grazie a un camino, posto nella parte superiore del forno. I forni professionali elettrici funzionano mediante resistenze corazzate in acciaio inox, alimentate con tensione da 220 o 380 Volt, protette da fusibili di sicurezza.
Nei forni professionali a vapore, invece, è installato un apposito boiler azionato da resistenze elettriche o da tubi d’acciaio in cui circolano i fumi riscaldati da bruciatori a gas.
L’acqua che entra nel boiler è quasi sempre demineralizzata, al fine di evitare il deposito del calcare.
cucine ristorante Il vapore che si forma viene incanalato attraverso una serie di tubi e distribuito nella camera di cottura. Il boiler è dotato di una serie di controlli di sicurezza che verificano la pressione del vapore generato (pressostato), la temperatura del boiler (termostato) in caso di mancanza dell’acqua e il livello minimo e massimo dell’acqua (sonde elettroniche). Anche nei forni per ristoranti a ventilazione forzata l’aria aspirata dalla camera di cottura può essere riscaldata da resistenze elettriche o dal contatto con i tubi surriscaldati dalla combustione del gas.

AllForFood.com, negozio online leader nel settore delle forniture per la ristorazione, grazie ad un catalogo con oltre 40 mila articoli, ti offre centinaia di modelli di forni professionali a gas o elettrici, dotati di diversi sistemi di cottura e ideali per qualunque tipo di attività: dal ristorante alla pizzeria, dalla tavola calda alla struttura alberghiera. Scoprili tutti online ed acquista il tuo forno in pochi rapidi passaggi.